FIDR:

News and Events

Announcement

06/02/2018

Brescia, ‘capitale islamica’ d’Italia

La città ha il record di musulmani in rapporto agli abitanti....

Academic Events

24/07/2018

Academic year 2018-2019, Admission - 2nd Edition of the Master in “Religions, Politics and Citizenship”

Call for applications for admission to the second edition of the...

What's new on site

05/08/2018

2nd Edition, Master in “Religions, Politics and Citizenship”, University of Padua and University of Eastern Piedmont, Italy

Call for applications for admission to the second edition of the...

 

   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   

 

24/01/2016

Daniele Ferrari, La libertà di coscienza nella pluralità degli ordinamenti giuridici, Libellula Edizioni,Tricase (LE), 2015



In Europa la storia della libertà di coscienza nasce con l’affermarsi delle prime forme di libertà religiosa indotte dalla Riforma di Lutero e trova nel pensiero illuminista e nella rivoluzione francese le iniziali basi teoriche e politiche di giustificazione. Nel Secondo Dopoguerra il valore dell’autonomia individuale riemerge nella garanzia del diritto di libertà di coscienza, solennemente, proclamato nel 1948 all’art. 18 della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo. Oggi la tutela della libertà di coscienza rappresenta il fondamento di ogni società democratica. Senza la garanzia della libertà interiore, la persona non può, infatti, autodeterminarsi negli spazi di libertà delimitati dai diritti riconosciuti a livello sovranazionale e nazionale. Tuttavia, la protezione delle convinzioni personali appare molto delicata in società pluraliste, nelle quali convivono credenze diverse e spesso conflittuali, davanti alle quali gli ordinamenti politici non sempre sembrano capaci di garantire un equilibrio effettivo e democratico.
Muovendo da un quadro ricostruttivo di carattere storico, il volume, nella sua prima parte, individua, in senso giuridico, il modello teorico di libertà di coscienza poi utilizzato all’interno dello studio. Nel corso del lavoro, la protezione della coscienza viene ricostruita in una prospettiva multilivello nelle fonti e nella giurisprudenza in ambito internazionale, europeo e nazionale. È attraverso l’analisi dei diversi contenuti di tutela associati a questa libertà, che si giunge ad una riflessione complessiva sulla coscienza dal tema classico dell’obiezione, al rapporto tra foro interno e foro esterno, ai processi di formazione della coscienza, al legame tra convinzioni personali, status e capacità giuridica.

 

Attachment

fidr (18,56 Kb)

Riga 2

Back